Dal 1979 siamo impegnate a contrastare ogni forma di violenza sulle donne. In Via Cairoli è nato il primo Centro di accoglienza per donne vittime di abusi e maltrattamenti, che nel 2000 è diventato “Centro per non subire violenza” ONLUS, con proprio Statuto, personale e attività di accoglienza e sostegno legale e psicologico.

Dal 2013 l’Associazione è promotrice della convenzione “No More” promossa da un gruppo di associazioni nazionali tra cui l’UDI, da tempo impegnate perché le violenze smettano di essere cronache di morti annunciate.

Dal 2014 abbiamo fatto parte dell’A.T.S. “Sistemi di interventi di prevenzione, informazione, consulenza e sostegno alle donne oggetto di violenza di genere” in partenariato con il Comune di Genova e i Centri Antiviolenza. Il nostro intervento consiste in laboratori nelle scuole di primo e secondo grado che aiutino a riflettere sui ruoli e sugli stereotipi oltre a cenni alle correlazioni con la violenza di genere e il bullismo. Il progetto si chiama “Crescere gioco di specchi”.

Dal 2015 siamo in partenariato con i Centri antiviolenza Centro per non subire violenza e Pandora. Abbiamo partecipato ai bandi del Dipartimento nazionale Pari Opportunità e della Regione Liguria nei progetti:

 - Percorsi integrati di Empowerment ( 2015)

- LI.BE.RE. Libertà, Benessere, Resilienze ( 2017)

- NO.VI.TA. No alla Violenza imparando Tolleranza e     Accoglienza ( 2017)

- Una Bussola per la Vita ( 2019)

- Casa Pandora "Margherita Ferro" ( 2019)

Interveniamo in qualità di relatrici sulla base delle richieste che pervengono e nelle attività formative.

UNA PETIZIONE NAZIONALE PER CONTRASTARE E PREVENIRE LE MOLESTIE E I RICATTI SESSUALI NEI LUOGHI DI LAVORO

La petizione ideata per aggiungere nel decreto legislativo 81/ 2008 "TESTO UNICO SULLA SALUTE E SICUREZZA SUL LAVORO" un nuovo articolo dedicato alle molestie e ricatti sessuali nei luoghi di lavoro e dunque fare delle molestie sessuali nei luoghi di lavoro un problema di sicurezza sul lavoro, con tutte le conseguenze che ne derivano